Condividi

    Nome:  JUMINDA
Ex: dato disponibile per gli abbonati
Tipo:  posamine
Anno di costruzione:  dato disponibile per gli abbonati
Cantiere:  dato disponibile per gli abbonati
Nazionalità: dato disponibile per gli abbonati
Stazza lorda: dato disponibile per gli abbonati  tonnellate
Stazza netta: dato disponibile per gli abbonati  tonnellate
Portata lorda: dato disponibile per gli abbonati  tonnellate
Lunghezza: dato disponibile per gli abbonati  metri
Larghezza: dato disponibile per gli abbonati  metri
Altezza: dato disponibile per gli abbonati  metri
Immersione: dato disponibile per gli abbonati  metri
Apparato motore: dato disponibile per gli abbonati
Cavalli indicati: dato disponibile per gli abbonati
Eliche: dato disponibile per gli abbonati
Velocità: dato disponibile per gli abbonati nodi
Armamento: dato disponibile per gli abbonati
Equipaggio: dato disponibile per gli abbonati

Data affondamento: dato disponibile per gli abbonati
Causa affondamento: dato disponibile per gli abbonati
Comandante: dato disponibile per gli abbonati
Morti: dato disponibile per gli abbonati

dato disponibile per gli abbonati   dato disponibile per gli abbonati
visita la pagina abbonamento

...    dato al momento non disponibile
  Mare: Mediterraneo
Stato: Italia
Regione :  Toscana
Località:  Porto Santo Stefano


Profondità min: 87 metri
Profondità max: 98 metri
Fondo: fango

Stato di conservazione:
spezzato in due tronconi distanti circa 30 metri tra loro

Distanza da riva:
4 miglia

Rilevamento:
Lat:   dato disponibile per gli abbonati
Lon:  dato disponibile per gli abbonati
 

Immersione:  tecnica
Difficoltà:  elevata
Visibilità:  discreta
Corrente:  assente
Reti:  presenti

Interesse
Storico:  elevato
Fotografico:  discreto
Biologico:  discreto

In Italia l'immersione sui relitti sommersi è spesso regolamentata da ordinanze del Circomare e delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera.
Pertanto vi consigliamo di informarvi prima di programmare e pianificare le vostre immersioni sui relitti consultando il sito web della
Guardia Costiera o contattando telefonicamente gli uffici marittimi locali.






 <<<

 storia

 foto storiche

 immergersi con

 pubblicazioni